Azienda Girolamo Russo

Chi siamo

Distesa sul versante nord dell’Etna, tra i 650 e i 780 metri, l’Azienda ha in proprietà 15 ettari di vigneti, incorniciati da noccioleti e uliveti. Nel 2005 Giuseppe Russo la rinnova, dandole il nome del padre e conservando l’eredità di questa sua famiglia nativa di Passopisciaro, uno dei borghi al centro della rinascita dei grandi vini rossi dell’Etna.
Giuseppe e i suoi collaboratori coltivano le vigne in regime biologico, secondo la tradizione contadina: quella che ha permesso a vigneti vecchi anche di un secolo di giungere fino ad oggi.
E così gli antichi impianti ad alberello, insieme ai nuovi filari, vengono lavorati principalmente a mano: potature corte, aratura, zappatura, legatura, zolfo e rame. Nel mese di ottobre, in vendemmia, si selezionano con accuratezza le uve, e si vinificano separatamente le diverse contrade, ognuna straordinariamente ricca di profumi, colori e vibrazioni. Per imprigionare nei singoli vini l’anima di ciascuna di esse.

La nostra cantina

Le vigne sono in buona parte molto antiche, e alcune superano i 100 anni. Le loro radici affondano in un terreno unico al mondo: nei molti strati di sciara che il grande vulcano ha eruttato nel corso dei millenni. E ogni sciara (così i siciliani chiamano la vecchia lava, secondo l’etimo arabo) custodisce per le uve un diverso gruzzolo di minerali.
Talvolta finisce anche per dare il nome ad una contrada, dove non di rado le vigne riempiono strette terrazze, tenute su da muretti a secco di pietra lavica.
E così, tra lave, ceneri e ginestre, ogni contrada ha il proprio carattere, la propria voce: incisa nel terroir che la ricopre, e che Giuseppe restituisce nei vini.

San Lorenzo (12 ettari), alle porte di Randazzo, adagiata sulle pendici basso-montane del vulcano, tra i 700 e gli 800 metri, deve forse il nome al culto del santo, legato alla presenza di un nobile aragonese. I vigneti crescono su colate laviche non molto antiche, che hanno formato suoli giovani e porosi, ricchi di spigolose pietre vulcaniche che garantiscono un ottimo drenaggio, e che lasciano spazio a qualche affioramento della roccia madre (quella cioè che genera i suoli, lo strato profondo della contrada), dovuta ad una colata del V secolo a.C.. La stessa che possono aver visto i coloni greci che si insediarono proprio in quell’epoca nell’alta valle dell’Alcantara.

Feudo (6 ettari), il cui suolo già gli antichi greci (quelli che abitavano l’insediamento dal quale sarebbe nata l’attuale città di Randazzo) avevano scoperto profondo e generoso, impiantandovi proprio la vite, si caratterizza per il microclima influenzato dai venti che soffiano dal Valdemone.

Feudo di Mezzo (un ettaro), nelle vicinanze di Passopisciaro, si estende su un ampio ripiano interposto tra due colate laviche che disegnano una terra aspra e irregolare, con toni prevalentemente scuri, e con una apprezzabile porosità.

x Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per offrirti servizi in linea con le tue preferenze o inviarti pubblicità. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando un suo qualsiasi elemento, acconsenti all'utilizzo dei cookie. Per ottenere maggiori informazioni o se vuoi rifiutare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui.