Nerello Cappuccio, Campione d’Europa!

Nerello Cappuccio, nobile vitigno etneo dalle grandi soddisfazioni

0
621
degustazione storica Nerello Cappuccio Campione d'Europa

Una serata indimenticabile quella vissuta ieri presso la Tenuta Benanti. Il pomeriggio ha visto il suo importante inizio con una Verticale Storica di Nerello Cappuccio. Sette annate di differente espressione di quello spicchio di Etna estremo che è Contrada Cavaliere, con la sua caratteristica esposizione a sud-ovest e altezza di 950 metri s.l.m.
Un “Piccolo Principe della viticultura etnea”, come Salvino Benanti lo definisce, capace di volare in alto nonostante la subordinazione gerarchica al più noto Nerello Mascalese decisa dal disciplinare Etna DOC.
Il Nerello Cappuccio riesce lo stesso, con il passaparola o con il dono, a farsi conoscere e apprezzare in tutta la sua eccezionalità perché è un vino nobile, un vino che merita.
In esso ha creduto, sin dal 1998, il Cavaliere Benanti grande testimone della cultura e dello stile di un preciso territorio che ha sempre valorizzato i monovarietali.

L’azienda è, infatti, l’unica a poter proporre una verticale storica di Nerello Cappuccio come preziosa occasione per conoscere le diverse espressioni del vitigno e anche sfatare il mito della scarsa longevità del vino.
Nella degustazione delle sette annate, guidata da Sonia Castaniti, ci si muove a ritroso.
Inizialmente si degustano i vini più giovani 2018-2014-2013-2012 che possiamo considerare figli della generazione corrente dell’azienda, Salvino e Antonio Benanti, e della loro scelta di produrre un Nerello Cappuccio puro, fresco e di piacevole beva.
I vini degustati rappresentano pienamente le diverse annate climatiche e la filosofia aziendale di rispetto della autentica espressione del prodotto della terra.
Il Nerello Cappuccio post 2010, che fermenta in acciaio con l’ausilio di uno specifico lievito autoctono selezionato dal Cavaliere dopo una lunga sperimentazione, rimane elegante, rotondo, fresco, estivo, versatile negli abbinamenti.
Le annate 2006-2005-2003 sono testimonianza di un’epoca diversa. Con la loro maturazione in rovere sono vini esplosivi, espressione di un rosso I.G.T. che voleva impressionare il mondo con la forza, la potenza dell’Etna.
Sono vini che hanno pienamente vinto la partita contro il tempo mantenendo gradevolezza e versatilità.
Il Nerello Cappuccio dimostra a pieno titolo, anche in questa verticale, di essere un prodotto etneo nobile e dalla positiva evoluzione nei decenni.

Un vino ribattezzato, a fine serata, Nerello Cappuccio Campione d’Europa!


Scusateci, ma inevitabile risulta oramai per Winery Tasting Sicily l’associazione del profumo del Piccolo Principe Etneo al sapore della vittoria della Nostra Nazionale di Calcio Italiana.

Faremo tesoro di quanto tecnicamente appreso nella verticale storica, ma ricorderemo anche la piacevole serata presso l’elegante Tenuta, la squisita cena di Alta Cucina Vegetariana con Plante Home Restaurant, le emozioni che il maxi schermo, posizionato nella aristocratica sala, ci ha trasmesso e che tutti insieme con gioia abbiamo condiviso. Grazie!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.