“Sicilia in Bolle”: tutti i numeri di un grande successo!

Nella provincia di Agrigento, la manifestazione “Sicilia in bolle” ha dedicato tre giorni alla spumantistica siciliana con 6 premi Alberto Gino Grillo assegnati, 5 masterclass, 3 etichette "En Primeur", 43 banchi degustazione, più di 150 etichette e oltre 600 presenze nella serata finale.

0
378
"Sicilia in Bolle": tutti i numeri di un grande successo!
"Sicilia in Bolle": tutti i numeri di un grande successo!

Le sfaccettature mosse e le declinazioni spumantistiche siciliane sono state celebrate a “Sicilia in bolle”, la manifestazione vinicola che per tre giorni di seguito ha reso la provincia di Agrigento “capitale” delle bollicine.

«L’ottava edizione di SIB appena conclusa lo scorso weekend è stata un’intensa attività con un notevole coinvolgimento dell’intero comparto – spiega a margine dell’evento Calogero Trupia, Delegato dell’Associazione Italiana Sommelier per le città di Agrigento e Caltanissetta – tre giornate che hanno visto un interessante ventaglio territoriale della spumantistica siciliana, dal netto valore culturale e professionale. Ancora una volta AIS Sicilia e la Delegazione Agrigento – Caltanissetta riconfermano il grande successo di Sicilia in Bolle, diventato uno degli eventi più importanti e attesi dagli amanti del vino».

Ad aprire i lavori come da programma sono state le “Donne del Vino”, associazione di settore che conta nell’isola 64 socie di varie professioni enologiche: l’agronoma, l’enologa, la sommelier e tante altre figure tutte della filiera del vino, insieme alle produttrici hanno osservato e relazionato sulla declinazione al femminile delle bollicine e delle cantine nel panorama isolano. 

Un salto più lungo è stato fatto subito dopo con la Masterclass guidata da Maria Grazia Barbagallo, neo Vicepresidente AIS Sicilia, che ha incrociato assaggi mossi di Sicilia e da altre regioni a vocazione spumantistica come Piemonte, Lombardia e Campania.

Un ottimo risultato che racchiude sinergie che si sono estese oltre i confini regionali e nazionali come il partneriato con “Gusto & Degusto” importatori di Champagne “agricoli” che hanno portato alla masterclass e ai banchi d’assaggio pregiate referenze della famosissima appellation francese.

Grande impatto anche per il dialogo ben corrisposto che è intercorso tra gli spumanti etnei: due le masterclass che hanno osservato un focus alla scoperta del carattere vulcanico.

In totale sono stati 6 i premi intitolati alla memoria del socio “Alberto Gino Grillo”, assegnati dal Presidente regionale Francesco Baldacchino durante la tradizionale cena di gala tenutasi al Madison: 6 portate a cura dello Chef Salvatore Gambuzza e del resident Chef Alfonso Zambuto, in abbinamento ai vini delle Donne del Vino Sicilia. 

«La Sicilia è un piccolo continente enologico: i nostri metodo classico e charmat sono tipologie meno note in ambito nazionale e internazionale ma in poco tempo stanno crescendo molto è il primo anno che assegnamo così tanti riconoscimenti ma era necessario sottolineare l’evoluzione enorme di queste case spumantistiche che si stanno facendo strada con prodotti eleganti e straordinari».

Francesco Baldacchino

“Sua Altezza 650” Brut Tenute Lombardo è stato il miglior Charmat in bianco, “Fushà” Brut rosé Baglio di Pianetto è stato il miglior Charmat in rosa, “Almerita” brut 2017 Tasca d’Almerita proclamato miglior metodo classico in bianco mentre Rosé Brut 2016 Donnafugata è risultato il miglior metodo classico in rosa. Altri due premi per altrettante cantine che si sono distinte come miglior performance aziendale: insignite le etichette “Perla” Brut di Bagliesi e Noblesse Brut 2017 di Benanti.

La serata finale ha registrato più di 600 presenze che si sono distribuite tra i 43 banchi di degustazione.

«Un ringraziamento va alle cantine partecipanti, all’Associazione Donne del Vino, agli sponsor, alle strutture che hanno ospitato l’evento, ai sommeliers e a tutti quelli che hanno contribuito alla realizzazione di questo appuntamento – conclude Trupia – siamo già al lavoro per la preparazione della prossima edizione di “Sicilia in bolle” per poter valorizzare ancor di più quella che è l’importanza qualitativa delle bollicine siciliane e poter dare il nostro contributo al panorama vitivinicolo della nostra Sicilia».

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.