Camurria Orange: il vino naturale della cantina Di Giovanna

Prodotto in sole 6.400 bottiglie dal vigneto Paradiso di Contessa Entellina

0
421
vino naturale camurria orange di giovanna orange

La tradizione dei vini macerati, oggi chiamati in modo più modaiolo “Orange Wine”, affonda le sue radici storiche e geografiche sicuramente in quella parte del mondo dove l’antica tradizione enoica si fonde col territorio georgiano. Una tradizione contadina e ancestrale tramanda di lasciare le bucce dell’uva a bacca bianca a contatto col mosto per lungo tempo e successivamente anche con il vino per creare uno scambio e una cessione di particelle e sostanze odorose e pigmentanti per cedere a questo vino quanta più sostanza possibile sia dal punto di vista visivo, olfattivo che gustativo. Questa macerazione dura da alcuni giorni fino addirittura a protrarsi a diversi mesi; la cessione di sostanze darà al vino caratteristiche totalmente diverse da un vino bianco classico. Passando dalla Georgia all’Italia, le regioni che per prime hanno puntato su questa antica tradizione, sono: Friuli, Emilia, Liguria e Veneto, utilizzando vitigni come la ribolla gialla. Pioniere indiscusso di questo affascinante stile di vinificazione è Josko Gravner che con i suoi vini è le sue anfore ha conquistato l’Italia e non solo, fino a brevettare una speciale coppa per la degustazione dei suoi vini macerati.

Un dato importante è che molto spesso questo tipo di vinificazione, va a braccetto con una viticoltura biologica fino ad arrivare alla biodinamica che segue i dettami e le regole della del teosofo e scienziato austriaco Rudolph Steiner che si esprimono nella coltivazione etica e sostenibile della vite senza l’ausilio di prodotti chimici o mezzi meccanici. Dal nord Italia ci spostiamo nella zona di Sambuca di Sicilia, dove l’azienda Di Giovanna produce questo interessantissimo e accattivante orange wine che si chiama “Camurria”.

Questo particolare Orange Wine è ottenuto da Uve Grillo, IGP, 12 gradi, ed è prodotto in sole 6.400 bottiglie a Contessa Entellina, precisamente in un vigneto chiamato Paradiso, a 450 s.l.m. da coltivazione biologica certificata. Le uve grillo raccolte a mano da metà settembre vengono diramate e macerate per ben 5 giorni; la fermentazione spontanea è seguita da fermentazione malolattica che ritroveremo nei toni rotondi al naso e in bocca.

Già dall’etichetta ci intriga. Il vino si chiama “Camurria”, con il significato di “danno / problema” in dialetto siciliano.

vino naturale camurria orange di giovanna wine orange

Ho avuto il piacere di degustare questo vino insieme ad amici sommelier ed appassionati. Alla vista questo colore orange ricorda il sole e il vento siciliano al tramonto, intenso ed evocativo. Tuffiamo subito il naso nel calice e sentiamo note vegetali fresche e avvolgenti, immediatamente emergono preponderanti la frutta a bacca bianca matura, le albicocche secche e delle note agrumate che già fanno salvare. In bocca è fresco, sapido, inteso e succulente; la nota sapida lascia il passo alla rotondità dovuta alla malolattica e i sentori al naso si riconfermano al palato. Il vino è invitante, spiazzante a tratti, ma di una gradevole beva, da abbinare ai piatti estivi freddi a base di pesce, come tartare di pesce bianco e quasi azzarderei un ceviche. Sicuramente da condividere in giardino con una dolce brezza notturna o in barca al tramonto, godendosi per una volta non la Golden Hour, ma la Orange Hour.

“Tendete la bottiglia verso la luce; vedrete che i vostri sogni sono sempre sul fondo”.

(ROB HUTCHISON)

Marco Marcialis

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.