Nerello Cappuccio 2019 Benanti Terre Siciliane IGT

0
4
Nerello Cappuccio Benanti 2019 Winery Tasting Sicily

Bellissima pianta che con la chioma protegge i suoi grappoli “incappucciandoli, il Nerello Cappuccio o “Mantiddatu Niuru” crea con le sue foglie un mantello utile a proteggere gli acini dagli eventi atmosferici e anche dal “ripiddu”, cenere del vulcano.

Varietà coltivata sull’Etna da secoli, il Nerello Cappuccio solo di recente è stato riscoperto anche con vinificazioni in purezza, come questo Terre Siciliane I.G.T. Rosso di Benanti Viticoltori.

L’azienda Benanti, nata nel 1734, è espressione del carattere etneo e delle storiche vocazioni delle diverse contrade. Contrade e varietà autoctone valorizzate, a partire dagli anni novanta, dal Cavaliere Giuseppe Benanti precursore della viticoltura etnea contemporanea. La sua sperimentazione in vigna e cantina finalizzata alla selezione di lieviti indigeni ha reso possibile la migliore espressione del secolare binomio versante-vitigno oggi espresso nei vini della selezione Contrade. Vini che raccontano di tutti i versanti dell’Etna in quattro diverse contrade: Dafara Galluzzo a Rovittello/Castiglione di Sicilia, Rinazzo a Milo, Monte Serra a Viagrande e Cavaliere a Santa Maria di Licodia.

Il Nerello Cappuccio 2019 Benanti Terre Siciliane IGT si ottiene dalle uve che crescono nella Vigna in Contrada Cavaliere, versante sud-ovest dell’Etna, all’interno del territorio del Comune di Santa Maria di Licodia. Le viti, di quasi 30 anni, affondano le radici in un terreno sabbioso, vulcanico, ricco di minerali e di scheletro. Godono di scarsa piovosità, abbondante luminosità ed elevata ventilazione tipica della contrada. L’altitudine di 900 m s.l.m. caratterizza un clima da montagna con importanti escursioni termiche.

La vendemmia si svolge nella prima decade di ottobre, rigorosamente a mano. La fermentazione in acciaio a temperatura controllata, con circa 15 giorni di macerazione, avviene con l’ausilio di uno specifico lievito autoctono selezionato dall’azienda con la sperimentazione descritta sopra.

Il vino matura solo in acciaio per circa 12 mesi, prima di un ulteriore affinamento in bottiglia per circa 6 mesi, mantenendo così al naso le sue delicate note erbacee e di frutta rossa. Tale vinificazione in acciaio è iniziata nel 2012, in passato essa avveniva in botti di rovere.

Una interessante verticale storica, svoltasi lo scorso luglio 2021, ha consentito la degustazione di 7 annate degli ultimi venti anni mettendo in evidenza, anche con bottiglie rarissime del 2003, l’attenzione che da sempre la Cantina Benanti ha per il Nerello Cappuccio e la diversa filosofia di espressione del vitigno portata avanti dai fratelli Antonio e Salvino.

Il Nerello Cappuccio 2019 Benanti Terre Siciliane IGT

Il Nerello Cappuccio 2019 Benanti Terre Siciliane IGT al calice ha un bel colore rubino con riflessi violacei. Al palato è poco tannico, secco, minerale e dalla buona persistenza. Un elegante vino, anche versatile, da abbinare a carni rosse, primi di terra, formaggi stagionati e anche a pietanze elaborate a base di pesce.

Nerello Cappuccio Benanti 2019
Nerello Cappuccio Benanti 2019

Altri Articoli sul Nerello Cappuccio:

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.